• Cicloturismo

Tra pianura e collina

Viaggio alla scoperta del pavese, zona interamente pianeggiante, eccetto il breve tratto che fa parte del Colle di San Colombano al Lambro.

Il colle, che ha un'estensione di circa 14.500 km2, è caratterizzato da una splendida vegetazione che lo rende un paesaggio meraviglioso. La qualità del suo vino è stata riconosciuta nel 1984 con l’approvazione della Denominazione di Origine Controllata San Colombano. 

Il percorso inizia e termina alla stazione di Lambrinia. Dalla stazione ci si porta sull'argine del fiume Lambro, seguendo la pista ciclabile che prosegue sul fianco del fiume Po, fino a Zerbo. Da qui, seguendo le indicazioni della Via Francigena, raggiugiamo Santa Cristina e Bissone.

Si arriva alla stazione e si prosegue nei campi sino ad arrivare a Miradolo Terme. Da qui un percorso secondario ci fa salire sul colle di San Colombano per poi scendere ad arrivare allo stop, sulla strada Provinciale, dove giriamo a destra e poi subito a sinistra in direzione del Castello di Chignolo Po.

Raggirato il Castello prendiamo Via Lambrinia e da qui il percorso ci condurrà al punto di partenza.


ITINERARIO
Distanza:48 km
Difficoltà: facile
Fondo stradale: asfalto e sterrato
Dislivello:+ 290 m, -287 m (Pendenza max:7.7%, - 11.4%; Pendio medio: 0.8%, -0.9%)
Adatto a: tutti
Tipologia di bicicletta consigliata: MTB e ibrida
Durata media: 4 h ca.


ALCUNI PUNTI DI INTERESSE

Castello di Chignolo Po 
Fu fatto costruire da Re Liutprando intorno al 740 d.C., quando Pavia era capitale dei Longobardi. Re Berengario lo donò, poi, ai monaci benedettini. Al Settecento risale l’aspetto attuale come anche gli stucchi e i dipinti delle sale.
Info utili: http://www.castellodichignolopo.it/
Aperto da Marzo a metà Dicembre nel 2017.
Ogni anno sul sito sono disponibili le date esatte di apertura e chiusura del Castello.
Visite guidate: dalle 15.00 e alle 16.00 (durata 60 minuti) senza bisogno di alcuna prenotazione. Nei giorni feriali per gruppi di minimo 15 persone (da prenotare con almeno 48 ore di anticipo).
Telefono: 347-4246765 
E-mail: info@castellodichignolopo.it 
Geolocalizzazione su mappa: 45.15814, 9.49243

Museo Contadino di Santa Cristina
Il Museo Contadino della Bassa Pavese è stato fondato nel 1984 da un gruppo di cittadini di Santa Cristina e Bissone appassionati di storia, tradizioni locali e del mondo contadino. Il Museo conserva oltre 2.000 attrezzi ordinati per tipologia d'attività.
Info utili: https://museo.comune.santacristinaebissone.pv.it/portale/
Geolocalizzazione su mappa: 45.15653, 9.40156

Terme di Miradolo
Le Terme delle Saline di Miradolo sono un centro benessere immerso nel verde. Offrono grandi spazi all’aperto, punti di ristoro per giornate in famiglia e fonti termali di acque sulfuree terapeutiche. 
Info utili: http://www.termedimiradolo.it/terme/
Orari: http://www.termedimiradolo.it/contatti-e-orari/
Tel. 0382-77012 
E-mail: info@termedimiradolo.it 
Geolocalizzazione su mappa: 45.1886, 9.42261

Collina del vino di San Colombano al Lambro
La Collina di San Colombano è stata nel tempo terra di conquista a causa della sua strategica posizione. Le caratteristiche del terreno fanno della collina un ambiente ideale per la coltivazione della vite.
Info utili: http://www.parcodellacollinadisancolombano.it/i-prodotti/i-vini/
Parco della Collina di San Colombano - Per Informazioni turistiche: Barbara Maffini, telefono: 0371-293236. 
Geolocalizzazione su mappa: 45.17752, 9.46806

Dello stesso tema

Su due ruote da Pavia a Milano

Da Pavia a Milano: sei tappe da scoprire su due ruote.
  • Cicloturismo
Prima tappa

Il giro della Lomellina

  • Cicloturismo
Il giro della Lomellina

In bici sui Navigli

In bicicletta alla scoperta dello straordinario territorio dei Navigli della Lombardia.
  • Cicloturismo
In bici lungo i Navigli

Tra pianura e collina

  • Cicloturismo
Tra pianura e collina

Tra Vigevano e Mortara

  • Cicloturismo
Tra Vigevano e Mortara

Il Pavese, in bici

Ponti, argini e vigneti in un territorio che alterna colli e pianura. In bici nel Pavese, alla confluenza di due fiumi
  • Cicloturismo
Il Pavese, in bici