• Arte e Cultura

Castello Gallarati Scotti

Dove
Via Marconi, 16 Cozzo PV
Contatti
+39 340 1480301
Sito ufficiale

Cozzo fu in epoca romana un'importante stazione per il cambio dei cavalli posta sulla strada imperiale che conduceva verso le Alpi Cozie (da cui deriva il nome della località) ed aveva nel III secolo d.C. la dignità di città municipale cui faceva capo tutto il territorio dell'attuale Lomellina. Con la fine dell'impero romano anche Cozzo conobbe un lungo periodo di decadenza, sino a quando i monaci benedettini di Cluny vi fondarono un'abbazia e iniziarono a bonificare il territorio.

Nel medioevo, per la sua posizione in prossimità del corso del Sesia, Cozzo fu dotato di un forte castello, ricostruito dai Milanesi nel 1214 e rifatto nel XV secolo, quando divenne possesso della famiglia Gallarati.

Il Castello Gallarati Scotti fu riedificato intorno alla metà del XIV secolo in luogo della precedente costruzione fortificata dell'XI secolo e circondato dai fabbricati dell'antico ricetto. Nel secolo successivo Francesco Sforza conferì il Castello alla famiglia Gallarati, che sopraelevò di un piano l'edificio aggiungendo la merlatura ghibellina e sistemò il torrione d'ingresso con funzione di rivellino. All'interno si conserva il dipinto monocromo di scuola leonardesca raffigurante la celebre "Madonna dell'Umiltà". Le attuali condizioni del complesso sono ottime grazie ai restauri fatti eseguire negli ultimi decenni dalla comunità di Mondo X, che vi è ospitata e ne cura tuttora la conservazione.

Un’interessante nota storica: una delle sale ospita una copia di quello straordinario documento che è la Tabula Peuntingeriana, fondamentale per le contemporanee conoscenze sulla geografia del mondo antico.

La Tabula, unica rappresentazione cartografica della rete stradale romana che sia giunta sino ai nostri giorni, colloca Cuttiae, Cozzo, come tappa intermedia tra le località di Lomello e Vercelli. 

La rappresentazione grafica di Cuttiae in questa tavola non si limita alla sola didascalia, ma è arricchita da un’icona, raffigurante due edifici affiancati, che si riferisce di norma alle località più importanti in relazione all’antica viabilità (Mediolanum, Milano per esempio è raffigurata con la stessa icona).

I dati presenti nelle fonti scritte vengono confermati da quelli offerti dall’archeologia: da Cozzo proviene infatti una colonna miliaria riprodotta al Museo in dimensioni reali di 1,90 m di altezza e 90 cm di circonferenza, rinvenuta nel 1802 a 2 km da Cozzo che riporta il nome dell’imperatore Antonino Pio seguito dal numerale in cifre latine LVIII, che indicava la distanza tra Cuttiae e Mediolanum, identificata come il “caput viae” della strada che attraversava la Lomellina. 

La Via Regina è il fil rouge di tutto il racconto del percorso museale allestito all’interno del Castello Gallarati Scotti.

I visitatori sono invitati dalle guide del circuito The Original History Walks® che curano l’accoglienza a percorrere le vie del passato, a sovrapporle a quelle del presente per provare ad immaginare insieme un futuro comune più sostenibile. 

Il Castello Gallarati Scotti è un museo-laboratorio in continua evoluzione e trasformazione. È sede della Bottega di Leonardo, un team di giovani professionisti, dall'ingegnere idraulico al fisico teorico, dagli esperti di musica e interpretariato alla nutrizionista che, in italiano e in inglese, coinvolgeranno gruppi, scolaresche, famiglie invitandoli a tornare più e più volte per percorrere un tratto di strada insieme.

Durante tutto il percorso, arricchito da pannelli esplicativi in italiano e inglese, installazioni digitali di realtà aumentata e artificiale, oculus e altri strumenti interattivi ricorderanno come la progettazione del futuro si basi su una profonda consapevolezza e conoscenza del passato. Si potrà, tra le altre installazioni, interagire con un amministratore-avatar, (l’attore pavese Davide Ferrari) che, alla scrivania da cui per secoli sono state gestite le terre di proprietà del castello e le maestranze che qui hanno lavorato, racconterà la via della giusta amministrazione

Lo splendido affresco monocromo della Sala del Re che ricorda lo storico incontro nel 1499 a Cozzo del Re di Francia Luigi XII poi prende

 vita e si anima, grazie alla tecnologia della realtà aumentata, davanti agli occhi dei visitatori proprio nel momento dell’arrivo dei due cortei: da una parte Luigi XII, scortato da alabardieri, in compagnia dei cardinali Giorgio d'Amboise, Giuliano Della Rovere e da un altro un personaggio che si pensa fosse Cesare Borgia. Di fronte la padrona di casa, Maria Percivalle Roero, moglie di Pietro Gallarati, con il marito, le damigelle e giovani cavalieri. È una bellissima istantanea d’epoca in cui la politica del confronto ha il sopravvento su qualsiasi conflitto e prova a ricomporre dissidi che sembrerebbero insanabili. Un messaggio di grande attualità.

Pietro Gallarati, primo signore di Cozzo, era proprio questo, un grande diplomatico dalla carriera sfolgorante durata per quasi cinquant’anni. Intimo della famiglia ducale, tanto che Galeazzo Maria, il figlio di Francesco, lo chiamerà sempre zio, riconoscendogli un ruolo di guida autorevole ma affettuosa, è consigliere aulico, cioè di corte già nel 1452, gli sono affidati incarichi diplomatici di grande rilevanza e fiducia presso le corti e i potentati italiani e stranieri, a Venezia, Mantova, Napoli, in Francia, a Roma, nel Monferrato. Partecipa a trattative di pace e concorre a stipulare patti di matrimonio che non sono altro che alleanze politiche, come ad esempio quello tra Isabella d’Aragona e Gian Galeazzo Maria Sforza, futuro erede del ducato che vede Leonardo come organizzatore della Festa del Paradiso. Fu proprio Pietro Gallarati a recarsi a Firenze insieme a Cicco Simonetta, allora proprietario del castello di Sartirana, per convincere Leonardo a spostarsi a Milano alla corte degli Sforza ed iniziare tra l’altro quelle mirabili opere di ingegneria idraulica che hanno trasformato il volto di un territorio e permesso di introdurre quella coltura che da ‘spezia’ diviene un alimento di uso sempre più comune: il riso.

Sono tante le sorprese e i motivi di meraviglia all’interno del Castello perché il percorso permette più livelli di approfondimento e fruibilità a seconda degli interessi di chi lo visita. Oltre alla ricerca storica e scientifica puntuale che ha visto il contributo fondamentale delle storiche Maria Luisa Chiappa Mauri e Luciana Fantoni, dell’archeologo Nicola Cassone e del geologo Pier Luigi Vercesi insieme ad Andrea Gallarati Scotti e Silvia Passoni, e alla bellezza dei pezzi esposti, tra cui una sala di mappe del territorio magistralmente restaurate, il museo è arricchito da sale immersive, realtà virtuale e applicazioni di realtà aumentata ideate da 4Draw, studio grafico pavese, uno studio geologico di questa terra particolarissima per fonti, fontanili e risorgive, un plastico ne mostrerà anche la formazione ed un grande video seguirà con un drone il corso del Cavo Gallarati Scotti che per trentun chilometri porta le acque dalla Palude di Vinzaglio fino a Cozzo per irrigarne i campi e renderli pronti a dare vita alla coltura del riso, coltura lomellina per eccellenza fino alla creazione di consorzi, come per esempio il Consorzio Est Sesia, e all’applicazione di un nuovo concetto di agricoltore che diventa imprenditore agricolo in grado amministrare e custodire per un bene comune.

Spostandosi attraverso l’allestimento curato dall’architetto Maria Paola Gatti dello Studio Torriani-Gatti di Pavia e dall’architetto Antonio Mazzeri si avrà concretamente la sensazione di percorrere una immaginaria strada che mostra l’unica via possibile per conservare e trasmettere l’eredità di cui siamo chiamati ad essere custodi.

Il Castello che possiede un ampio ricetto ed un’aula didattica predisposta all’accoglienza di attività per gruppi, scolaresche e famiglie sarà aperto tutto l’anno solo su prenotazione, orari di apertura e contatti sul sito castellogallaratiscotti.it - info@castellogallaratiscotti.it - +39 340 1480301


Orari

Orari e giorni di apertura: su prenotazione, visitabile tutti i giorni a orari prestabiliti.  

 

Portami qui: Castello Gallarati Scotti

Luoghi

Garzaia di Celpenchio

Una giornata immersi nella natura nel cuore della Lomellina
  • Active & Green
Garzaia di Celpenchio
4.98 km

Valle Lomellina

  • Borghi
Valle Lomellina
6.38 km

Rosasco

  • Borghi
Rosasco
6.75 km

Breme

Un piccolo borgo medioevale ricco di storia alla confluenza dei fiumi Po e Sesia in Lomellina
  • Borghi
Breme
7.4 km

Castello d'Agogna

  • Borghi
Castello d'Agogna
7.67 km

Castello Isimbardi

Nel cuore della Lomellina un castello tutto da vivere a Castello d'Agogna
  • Arte e Cultura
CASTELLO ISIMBARDI
7.76 km

Museo arte e tradizione contadina

  • Arte e Cultura
Museo arte e tradizione contadina
8.54 km

Olevano di Lomellina

  • Borghi
Olevano di Lomellina
8.82 km

Sartirana Lomellina

  • Arte e Cultura
Sartirana Lomellina
9.75 km

Robbio

  • Borghi
Robbio
10.76 km

Nicorvo

  • Borghi
Di Alessandro Vecchi
11.25 km

Santuario S. Maria del Campo

Il Santuario costruito nel 1440 a Mortara lungo la Via Francigena che custodisce l’affresco della Madonna del Latte
  • Turismo religioso
Santuario S. Maria del Campo
11.67 km

Basilica di San Lorenzo

Scopri la Basilica di San Lorenzo o Duomo di Mortara, dalla facciata gotica disegnata sul finire del 1300
  • Arte e Cultura
Basilica di San Lorenzo
12 km

Mortara

Mortara si è guadagnata nei decenni il titolo di patria del Salame d'Oca più buono del mondo
  • Borghi
Mortara
12.02 km

Abbazia di Santa Croce

A Mortara la chiesa madre dell’Ordine Mortariense
  • Turismo religioso
Abbazia di Santa Croce
12.03 km

Abbazia di Sant'Albino

L’Abbazia di Sant’Albino (VIII secolo), tappa lungo la Via Francigena a Mortara
  • Turismo religioso
Abbazia di Sant'Albino
12.72 km

Parco Naturale Valpometto

Un polmone di verde tra le risaie
  • Active & Green
Parco Naturale Valpometto
12.9 km

Palestro

  • Borghi
Palestro
13.54 km

Ossario della Battaglia di Palestro

  • Arte e Cultura
Ossario della Battaglia di Palestro
13.96 km

Mede

  • Borghi
Mede
14.52 km

Eventi

Mostra dell'artigianato a Breme

Via Abbazia S. Pietro, 17, Breme PV
12/03/2023
  • Lifestyle
Mostra dell'artigianato a Breme
7.41 km

Sagra della Lomellina 2023

Breme (PV) Piazza della Fiera
26/05/2023 - 28/05/2023
  • Food & Wine
Sagra della Lomellina 2023
7.54 km

Carnevale Mortarese

Piazza Vittorio Emanuele II Mortara PV
19/02/2023
  • Lifestyle
Carnevale Mortarese
11.81 km

Pierino e il Lupo e Gian Burrasca

Auditorium Citta di Mortara
Viale Dante, 1, Mortara PV
18/05/2023
  • Musica e spettacolo
Pierino e il Lupo e Gian Burrasca
12.29 km

Attività

MORTARA: tra riso, arte, oca e sushi

  • Food & Wine
MORTARA: tra riso, arte, oca e sushi
12.71 km

Dove dormire

B&B S.R.L. M.OV.ING.

Valle Lomellina
B&B S.R.L. M.OV.ING.
6.96 km

LA CASTELLANA

Castello d'Agogna
LA CASTELLANA
7.36 km

B&B MEZZALUNA 12 CA D'LA TONILLA

Breme
B&B MEZZALUNA 12 CA D'LA TONILLA
7.51 km

LA CASTELLANA DIPENDENZA

Castello d'Agogna
LA CASTELLANA DIPENDENZA
7.64 km

IL PIOPPO E LA FONTE

Castello d'Agogna
IL PIOPPO E LA FONTE
7.69 km

AGR. AZ. AGRICOLA GALBARINI DI ALESSANDRA SARTORI

Olevano di Lomellina
AGR. AZ. AGRICOLA GALBARINI DI ALESSANDRA SARTORI
8.59 km

VILLA SANT'ESPEDITO

Mortara
VILLA SANT'ESPEDITO
9.78 km

PERBACCO

Sartirana Lomellina
PERBACCO
9.84 km

AGRITURISMO PESCAROLO

Robbio
AGRITURISMO PESCAROLO
9.95 km

NEW POLO

Mortara
NEW POLO
10.31 km

IL ROGGIONE

Sartirana Lomellina
IL ROGGIONE
10.42 km

AGR. CASCINA BOSCO

Nicorvo
AGR. CASCINA BOSCO
10.8 km

ANTICA CORTE LOMBARDA

Mortara
ANTICA CORTE LOMBARDA
11.26 km

AGR. CASCINA CORTE GRANDE

Semiana
AGR. CASCINA CORTE GRANDE
11.57 km

ALBERGO BOTTALA OSTERIA IL CUUC

Mortara
ALBERGO BOTTALA OSTERIA IL CUUC
11.69 km

ALBERGO SAN MICHELE

Mortara
ALBERGO SAN MICHELE
11.72 km

B&B LOMELLINA

Mortara
B&B LOMELLINA
11.72 km

RC RESORT LUXURY RELAX

Mortara
RC RESORT LUXURY RELAX
12 km

DELLA TORRE

Mortara
DELLA TORRE
12.1 km

FORESTERIA LOMBARDA RE ARTU' DI LA FERRERA SALVATORE

Mortara
FORESTERIA LOMBARDA RE ARTU' DI LA FERRERA SALVATORE
12.13 km